parallax background

Festival degli Aquiloni San Vito Lo Capo

23 Agosto 2017
Processione dei Misteri di Trapani
23 Agosto 2017
Festa di San Vito
23 Agosto 2017

Praesent nec sapien mauris dui non augue. Nulla mi non magna. Fusce blandit ultrices posuere in, ipsum. Fusce facilisis dignissim faucibus, tortor a nulla. Integer convallis viverra, enim aliquam odio. Suspendisse semper sollicitudin. Praesent et ultrices posuere cubilia. Nemo enim.

 
L orem ipsum dolor sit amet enim, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia.

Etiam at turpis. Etiam tempor auctor, ante ipsum consectetuer at, viverra accumsan, libero odio a dolor tellus vulputate leo sed ante. Vestibulum ante pellentesque quis, pellentesque sagittis vel, consequat wisi. Proin posuere. Quisque at nulla. Maecenas eleifend mauris rhoncus suscipit. Suspendisse nulla dictum accumsan sed, euismod pede, nec dui. Morbi placerat vehicula neque. Praesent in vestibulum sed, vestibulum id, elit. Aenean mollis orci. Nullam justo facilisis pharetra. Suspendisse sed dolor sit amet dignissim massa. Duis mauris consequat sapien mauris vehicula ut, consectetuer adipiscing eget, bibendum pede. Vestibulum semper convallis. Praesent elit aliquet at, vehicula.

Praesent nec sapien mauris dui non augue. Nulla mi non magna. Fusce blandit ultrices posuere in, ipsum. Fusce facilisis dignissim faucibus, tortor a nulla. Integer convallis viverra, enim aliquam odio. Suspendisse semper sollicitudin.


 
V estibulum commodo volutpat a, convallis ac, laoreet enim. Phasellus fermentum in, dolor. Pellentesque facilisis. Nulla imperdiet sit amet magna. Vestibulum dapibus, mauris nec malesuada fames ac turpis velit, rhoncus eu, luctus et interdum adipiscing wisi. Aliquam erat ac ipsum. Integer aliquam purus. Quisque lorem tortor fringilla sed, vestibulum id, eleifend justo vel bibendum sapien massa ac turpis faucibus orci luctus non, consectetuer lobortis quis, varius in, purus wisi ultricies.

Integer ultrices posuere cubilia Curae, Nulla ipsum dolor lacus, suscipit adipiscing. Cum sociis natoque penatibus et ultrices volutpat. Nullam wisi ultricies a, gravida vitae, dapibus risus ante sodales lectus blandit eu, tempor diam pede cursus vitae, ultricies eu, faucibus quis, porttitor eros cursus lectus, pellentesque eget, bibendum a, gravida ullamcorper quam. Nullam viverra consectetuer. Quisque cursus et, porttitor risus. Aliquam sem. In hendrerit nulla quam nunc, accumsan congue. Lorem ipsum primis in nibh vel risus.

Curabitur et ligula. Ut molestie a, ultricies porta urna. Vestibulum commodo volutpat a, convallis ac, laoreet enim. Phasellus fermentum in, dolor. Pellentesque facilisis. Nulla imperdiet sit amet magna. Vestibulum dapibus, mauris nec malesuada fames ac turpis velit, rhoncus eu, luctus et interdum adipiscing wisi. Aliquam erat ac ipsum. Integer aliquam purus. Quisque lorem tortor fringilla sed ipsum dolor quam.

Festa del patrono San Vito Martire a San Vito Lo Capo (TP). San Vito sbarca ancora nelle sue amate terre. Un grande amore e una grande devozione lega la marineria del paese di San Vito al Santo Patrono. Il 15 giugnoè grande festa per tutta la categoria e le imbarcazioni sono tutte in rada nel porto perché tutti i pescatori non vogliono mancare alla festa del Santo.
La festa dei pescatori ha inizio nel pomeriggio con il tradizionale gioco dell’ “Antenna a mare”, pittoresco e divertente. Si tratta di un palo lungo 10 metri, sospeso sull’acqua e insaponato, alla cui estremità sta la bandiera che il vincitore dovrà afferrare. L’agonismo è assicurato e anche… le cadute in acqua. All’imbrunire del 15 giugno, le imbarcazioni in rada nel porto di San Vito escono in mare ad accogliere festosamente la barchetta che trasporta il giovane Vito, il suo maestro Modesto e la nutrice Crescenza. Mentre la barchetta approda a terra e il piccolo Santo sbarca, le imbarcazioni dei pescatori devoti lo salutano con il suono delle loro sirene e il lancio di razzi mentre il popolo si accalca a salutare l’arrivo del piccolo Santo e dei suoi compagni. 

Alla notte, la pittoresca processione si snoda per le vie del paese; i devoti del Santo elevano inni e preghiere. La statua del Santo rivestita delle insegne – la corona (il premio di Dio), la palma (la vittoria del martirio), la croce (la forza della fede) e il mantello degli ex voto d’oro dei fedeli (la loro devozione) – è portata a spalla dai portatori di Alcamo devoti del Santo. San Vito nel suo santuario al Capo è infatti invocato da tutti i paesi del golfo di Castellammare, dai paesi del trapanese, dell’ericino, della Valle del Belice, di Partinico e del palermitano e da altre lontane zone della Sicilia. Numerosi accorrono i pellegrini a chiederne la intercessione. All’ingresso del paese il Sindaco consegna le chiavi del Comune a rinnovare questo legame tra la comunità civica e il Santo. Inizia poi la discesa solenne attraverso la via grande fino al Santuario. La festa segna l’inizio della stagione estiva. Alla sera, durante il tempo della festa, sono previsti intrattenimenti musicali. San Vito è un Santo tanto amato e conosciuto. Eppure, di lui sappiamo poche cose. La cripta del santuario di San Vito Lo Capo, come lo stesso Santo, è avvolta nel mistero, perché lì “c’è” qualcosa; lì è avvenuto, parecchi secoli fa, qualcosa di straordinario. In quella pianura un giovane, Vito, non vuole rinunciare alla sua fede in Gesù. Costretto a stendersi sulla spiaggia, le sue mani e le sue gambe sono legate da rozze e pesanti corde a robusti cavalli. Le bestie sono battute con la frusta, perché tirino con forza verso opposte direzioni. E, ahimè, mentre un cavallo cerca ditrascinare il corpo del giovane da un lato, l’altro viene frustato perché corra dall’altra parte. Il sole di giugno inonda di luce la tragica scena. I suoi carnefici si divertono, ridendo rumorosamente. contenti di avere punito la tracotanza di quel giovane che non vuole rinunciare al suo credo a costo della sua stessa vita. «Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi…Chi vuole guadagnare la propria vita la perderà», continua a ripetere il giovanetto. Altri suoi fratelli nella fede assistono, sbigottiti dalla paura, e nel loro cuore pregano Dio di aiutarlo. Altri ancora hanno compassione di tanto ingiusto strazio. Il lungo spettacolo tinge di sangue quella sabbia. Gli arti strappati del giovane si offrono come orrida visione; le membra lacerate invocano pietà; la bocca, in un volto sfigurato, emette un lamento: «Padre, nelle tue mani affido il mio spirito!». Mani pietose lo assistono, mentre Vito, martire vivo, aspetta l’inesorabile morte. Ha avuto l'”onore” di quella tortura che concede ai fedeli di Cristo di vedere ancora a lungo la propria agonia dopo il martirio: la catasta.

English EN Italian IT